E il terzo classificato è…

Ovviamente la sua morte è stata oscurata da quelle di Farrah Fawcett e – soprattutto – di Michael J, ma mentre tutti parlano di loro, noialtri fanatici del garage e della psichedelia e delle musiche da spostati degli anni Sessanta non possiamo non rivolgere almeno un pensiero a Sky Saxon, voce e cardine dei dei Seeds, che con due dischi due (il Primo Omonimo e A Web of Sound) incisero nel marmo a memoria delle future generazioni l’ABC del garage psichedelico, ovvero canzoni brevi, ripetitive (il modello prevalente è quello dei due-accordi-due alla You Really Got Me, che portato all’estremo ha saputo creare perle assolute tipo Just Let Go che è i Can prima dei Can), sozze di fuzz e interpretate quasi sempre sopra le righe. Era un pezzo grosso, non un caschetto qualsiasi, e a noi piace ricordarlo così:

Annunci

Un pensiero riguardo “E il terzo classificato è…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...