Dodici

Night Beats – Night Beats, ovvero il miglior surrogato di 13th Floor Elevators in circolazione. Oddio, più che un surrogato si tratta di un semi-plagio, ma visto che ormai Roky Erickson è vecchio e saggio, di qualche scavezzacollo che rimastica quel suono – con un occhio all’iconografia d’epoca ma senza scadere nel sixties cosplay che dopo tre minuti è già stucchevole – c’è bisogno.

Annunci

Al numero diciassette

Case Studies – The World is Just a Shape to Fill the Night, ovvero la spirale discendente di Jesse Lortz l’ex Duke che molla la duchessa (vedi qui e qui), la sostituisce con un coro di sirene lamentose e manda in soffitta la gaiezza hippie di un tempo per immergersi, senza appello nel grigiore e nella penombra musicale ed esistenziale. Ma allora cosa ci fa un pacco del genere nella Top 20? Non so, forse è fatto così bene che non riesco a smettere di ascoltarlo (e se immagino che al posto delle sirene lamentose ci sia Kimberly Morrison il risultato è ottimo).